CONTROLLA

AL LAVORO CON I 5 SAMURAI (parte 2)

Eccomi con la seconda parte del post dedicato ai 5 samurai!

SEITON: metti in ordine in modo accurato, cioè assegna a tutti gli oggetti di uso corrente una collocazione ben definita, contrassegnata da una targhetta, e facilmente riconoscibile a tutti coloro che li devono utilizzare. Questo nel pc si traduce nel dividere in categorie i file e posizionarli in cartelle con nomi appropriati al contenuto. Il mantra di questa fase è: un posto per ogni cosa, e ogni cosa al suo posto. La domanda è: qual è il criterio con cui puoi mettere in ordine i tuoi strumenti di lavoro/file/software? Segui la tabella per testare il tuo criterio.

1° STEP Esaminare la situazione attuale Esaminare il modo in cui gli oggetti vengono prelevati e riposti: il tempo impiegato è da minimizzare!
2° STEP Decidere dove collocarli Stabilire dei criteri per l’allocazione. Identificare ogni oggetto con un nome o un codice specifico
3° STEP Decidere come sistemarli Ogni oggetto deve avere una sua collocazione, che ne faciliti il reperimento. Indicare sull’oggetto dove va collocato, e nella collocazione quale oggetto riporvi.
4° STEP Rispettare le regole definite Ogni oggetto deve sempre essere riposto dove stabilito. Per i materiali di consumo, indicare scorta minima.

SEISO dopo le prime due fasi, fai una pulizia accurata delle macchine, dell’ambiente di lavoro e del pc (sia esterna, che tra i files e i softwares). La domanda che ti pongo è: quali sono le regole di pulizia del tuo posto di lavoro? Confrontale e migliorale in base alla seguente tabella.

1^ REGOLA Tutti devono curare la pulizia, dall’Amministratore delegato all’addetto alle pulizie.
2^ REGOLA Nessuno deve sporcare. Nessuno deve spargere liquidi o lasciar cadere oggetti.
3^ REGOLA Ognuno deve pulire subito dove ha sporcato. Ognuno deve raccogliere ciò che è caduto a terra.
4^ REGOLA Iniziare attribuendo formalmente le aree di responsabilità per la pulizia; non devono esserci aree non definite o non assegnate.

 

SEIKETSU rendi sistematiche le attività di gestione (verifiche, valutazione dell’efficacia, azioni correttive, …) necessarie a far si che le prime 3S entrino a far parte della pratica quotidiana. L’enfasi è sulla standardizzazione delle procedure stabilite e sulla gestione visuale. Quest’ultima è un potente ed efficace veicolo di miglioramento.
La domanda da porti è: quali sono i miei standard di ordine e pulizia?

SHITSUKE significa disciplina, nel senso dell’educazione e della crescita interiore. Nelle 5S, indica la situazione in cui i comportamenti stabiliti sono diventati la “seconda natura” delle persone, che quindi li mettono in pratica spontaneamente, anche in assenza di vincoli e controlli.
In questa fase devi chiederti: come mi comporto io, e le persone coinvolte nelle attività delle 5S, rispetto agli standard ed alle procedure stabilite?

Ora, fai una bella foto al tuo posto di lavoro, e fanne un’altra dopo aver applicato il metodo delle 5S.

E vedrai che un prodotto o un servizio di qualità è frutto di un lavoro di qualità in un ambiente di qualità.

Per saperne di più su come migliorare la tua attività lavorativa, ridurre le perdite ed aumentare i ricavi, leggi i miei blog, guarda i miei video corsi o contattami.

Sono molto felice per il prossimo Live targato wedoIT dedicato al “Potere della Parola”, condotto da speaker a dir poco sensazionale. Io ci sarò! Eccolo qui:

Close

Il potere della parola

Prezzo di listino 647,00

<p class=”postAuthor”>Piercarlo Ricasoli</p>
<p class=”postCTAend”><a href=”https://www.wedoit.academy/shop/”>Vuoi scoprire i nostri video corsi? Clicca qui!</a></p>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *