CONTROLLA

BUSINESS E VITA PRIVATA: WLB

Il lavoro ti segue sempre e ovunque attraverso il tuo device?

Anche quando torni a casa, continui a controllare le tue e-mail?

In vacanza al mare, durante la partita di pallone di tuo figlio o mentre sei a cena in famiglia, proprio non riesci a fare a meno di rispondere alle telefonate di lavoro?
Attenzione. Perché tenere la mente continuamente accesa sul tuo lavoro, anche quando sei a casa con i tuoi cari o quando ti sei ritagliato i tuoi momenti di piacere, potrebbe logorare il preziosissimo equilibrio esistente tra lavoro e vita privata (il cosiddetto Work – Life Balance). Si chiama “costant checking” e può diventare un gran problema se non lo sai gestire.

D’altronde, si sa, lo smartphone, ha di per sé un’attrattiva quasi ipnotica e le conseguenze dell’iperconnessione sono di fortissimo interesse per le ricerche più attuali in ambito internazionale. Perché se da un lato l’utilizzo delle tecnologie più innovative ha aumentato la produttività nella maggior parte delle realtà aziendali, che in qualsiasi momento possono collegarsi con i loro potenziali clienti, fornitori e collaboratori provenienti da ogni parte del mondo, dall’altro lato la tendenza sempre più diffusa del constant checking, delle attività lavorative si è trasformata, per tantissime persone, in una pericolosa abitudine che le accompagna anche quando sono alle prese con le loro attività personali, familiari o con i loro hobby.

Il constant checker seriale è colui che esegue il check costante delle e-mail, dei messaggi, delle sue pagine social di svago e di lavoro e che aggiorna continuamente le statistiche della sua attività. Il constant checking è più diffuso di quanto si possa pensare, tanto che negli Stati Uniti, secondo una ricerca dell’American Psychological Association (2017): ben il 45% dei lavoratori è collegato in maniera costante ai suoi dispositivi durante le giornate lavorative, il 40% dichiara di esserlo soventemente; e dato ancora più allarmante, è che ben il 34% dei lavoratori resta collegato in maniera costante anche quando ufficialmente è fuori dall’ufficio, e il 47% dichiara di esserlo soventemente!

Nonostante moltissimi lavoratori, in particolar modo manager, titolari d’azienda e professionisti percepiscano come positiva la possibilità di poter controllare sempre e ovunque la loro attività, sul lungo periodo, il rischio di vedere nascere una conflittualità tra le due aree, lavoro e vita personale, (il cosiddetto Work – Life Conflict) è molto alto. La frustrazione e lo stress derivanti dall’essere costantemente e mentalmente collegati al lavoro, si ripercuotono nelle attività e nelle relazioni della vita privata, dove anche amici, familiari e figli ne pagano le conseguenze.

Se negli ottanta, fra i ricercatori all’avanguardia c’era chi affermava: “grazie alla tecnologia, un giorno, sarà possibile avere un lavoro libero da ogni vincolo di luogo e di orario” (1988, Baylin, L.), oggi la sfida più attuale è quella di avere luoghi e momenti liberi dalle attività lavorative.

Ecco allora tre spunti di riflessione per non incappare nel rischio del constant checking e vivere in tutta armonia il proprio Work – Life Balance:

1) stabilire dei limiti chiari con sé stessi e con i propri collaboratori/clienti (ad esempio a tavola, oppure dopo le h20.00 o la domenica mattina il cellulare viene spento e si pone il focus mentale sulle attività che arricchiscono la vita, come lo sport, lo stare in famiglia o giocare con i figli);

2) darsi una regola sulla frequenza di lettura delle e-mail (se è necessario accedere alle mail e alle pagine social anche durante il tempo libero, è bene seguire delle regole prestabilite, come ad esempio “due volte al giorno, in momenti ben definiti, che non interferiscano con le attività e le relazioni personali);

3) definire con chiarezza quali sono le attività più importanti e irrinunciabili del proprio tempo libero e porre il giusto focus su di esse, togliendo ogni distrazione.

Attento, perché all’inizio potrebbe essere… impegnativo. Proprio per questo, nel nostro prossimo Live, parleremo anche di digital detox!

 

Sold out
Close

Il potere della parola

Prezzo di listino 647,00

Vuoi scoprire i nostri video corsi? Clicca qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *