CONTROLLA

ROMPETE LE RIGHE, ADESSO!

Abitudini e comportamenti dannosi entrano nella nostra vita in 3 fasi:

– li osserviamo;
– li ripetiamo;
– li veicoliamo a chi abbiamo intorno.

Un esempio tra quelli più assurdi è il fumo (ho fumato per 19 anni come un camino e so di cosa parlo): vediamo fumare persone che per noi sono importanti, come ad esempio i genitori. Successivamente, come brave scimmiette, li imitiamo e impariamo a farlo a nostra volta. E infine portiamo avanti e difendiamo questa idiozia nel mondo per poi incolpare l’inquinamento e il riscaldamento globale quando la nostra salute e le nostre finanze finiscono nell’immondizia.

L’essere umano, purtroppo e per fortuna, funziona per abitudine e ripetizione e questo vale a 360 gradi, nel bene e nel male, nel modo di parlare, di vestire e in ogni cosa.

Come dico spesso, la moltitudine segue la moltitudine, ovvero ogni essere umano tende ad uniformarsi a ciò che fa la massa e questo è uno dei motivi principali per cui a volte risulta difficile staccarsi dal mucchio e prendere strade diverse.
Andare controcorrente crea disagio, ma implica il ragionare con la propria testa scegliendo autonomamente tra le opzioni senza nessuna ansia riguardo a ciò che pensano gli altri.

 

Assumersi il rischio di cambiare ci aiuta anche ad accogliere gli errori portandoci ad un nuovo livello di pensiero in cui non esistono fallimenti, ma solo feedback.
A questo proposito il grande inventore Thomas Edison fece più di 10.000 (diecimila!) tentativi diversi prima di riuscire a creare la lampadina ad incandescenza e a permettere a tutti noi di avere la luce elettrica.
Un giorno ad una persona che lo intervistava e che gli chiese: “Signor Edison, come si sente ad aver fallito più di 10.000 volte ?”, egli rispose : “Non ho mai fallito! Ho solo avuto 10.000 risultati diversi da ciò che volevo ottenere e ognuno di questi mi ha aiutato a trovare quello giusto!”
Va tenuto sempre presente che, in base al nostro ambiente e alle persone che frequentiamo, plasmiamo noi stessi nel corpo e nella mente.

Occorre quindi sviluppare la capacità di selezionare quali comportamenti modellare e quali sostituire.

Può apparire robotico, ma il cervello funziona in questo modo e molto spesso troppa gente vive una vita mediocre e infelice credendo che sia colpa delle divinità o della ruota di Firenze che non ne vuole proprio sapere di far uscire quel maledetto numero. La realtà è molto più semplice: quello che sei oggi è il risultato delle persone che scegli di modellare e se la tua vita è insoddisfacente, significa che stai ripetendo gli schemi di qualcuno che ti ha spiegato, con il suo comportamento, che quella è la normalità.

Rompi lo schema.

Come puoi farlo? Ci sono molti modi diversi. Nel coaching, si usano 4 potenti domande per iniziare a comportarsi e a fare cose in modo diverso. Segnatele e annota le risposte (e soprattuto dai seguito alle risposte con comportamenti concreti).

  1. Che cosa posso fare di più?
  2. Che cosa posso fare di meno?
  3. Che cosa posso fare di nuovo?
  4. Che cosa posso smettere di fare?

Jim Rhon diceva: “Non importa cosa hanno fatto di te fino ai 18 anni, ciò che importa è ciò che tu farai di te dai 18 anni in poi.”

E ricorda…la Ricchezza e la Felicità sono una questione di Rituali.

Vuoi scoprire i nostri video corsi? Clicca qui!

About Marco Benassi

Eclettico imprenditore di successo e networker di alto livello, si è specializzato nei processi di sviluppo del potenziale attraverso i Rituali per il benessere e i Rituali per il successo ed è in Italia il punto di riferimento sull'argomento. I suoi corsi dal vivo, dedicati ai Rituali e al Denaro, sono seguitissimi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *